logo
ASILO NIDO LA CHIOCCIOLA

Giornata tipo

L’esempio qui proposto è riferito ad una ipotetica sezione che accoglie circa quindici bambini di età compresa fra 3 e 36 mesi con la presenza di due/tre educatrici (e non tiene conto della complessiva organizzazione del servizio): esso ha infatti qui lo scopo esclusivo di illustrare la giornata dal punto di vista pedagogico. Le scadenze indicate si propongono di indicare un quadro di massima delle tappe significative di una ipotetica giornata. E’ ovvio che anche gli orari sono puramente indicativi e fanno riferimento ad una realtà ipotetica.
Ore 7,30
L'accoglimento dei primi bambini avviene, a cura dell’educatrice dell’orario del mattino in apposito salone. Si presta particolare attenzione a favorire il momento del distacco dal genitore attraverso:
  • un rapporto di volta in volta individualizzato con chi arriva
  • il rispetto dell'iniziativa e dell'interesse del bambino per questo o quel gioco assunto come mediatore nel passaggio genitore - bambino - educatrice
  • il contatto corporeo, come ad esempio il prendere in braccio
  • lo spazio (la stanza, l'angolo, il centro di interesse) preferito
 
L'entrata è per tutti i bambini un momento per lo più di gioco libero supportato dall'educatrice solamente su richiesta del bambino (es.: leggere un libro).

Ore 9,30
Entra in servizio la seconda educatrice. Il limite orario massimo nel quale è possibile l'ingresso dei bambini è funzionalmente ad una organizzazione della sala capace di corrispondere alle esigenze del singolo bambino e del gruppo contemporaneamente. Alle 9,15 si prevede un momento di raccoglimento dei bambini sul tappeto per il gioco dell'appello, oppure il racconto di una favola, o ancora un momento di conversazione. Questa attività è il presupposto per una successiva suddivisione dei bambini in base alla programmazione delle attività.

Ore 10,00
A partire da quest'ora potranno iniziare le diverse attività programmate. Normalmente ci si divide in due gruppi.

Ore 11,00
Una educatrice intrattiene i bambini nel grande gruppo; le altre, dopo avere collaborato con l’ausiliaria (se necessario) alla predisposizione della sala predisponendola per il pasto, effettuano, per piccoli gruppi a rotazione, il cambio di tutti i bambini.
servizi di baby animazione

Dopo il pranzo

Durante e dopo il pranzo la giornata tipo prosegue in questo modo:
Ore 11,30
Viene servito il pranzo. I bambini consumano il pasto L'ausiliaria si affianca al lavoro delle educatrici. I bambini scelgono liberamente ogni giorno il posto nel quale sedersi. Le educatrici intendono favorire questa situazione per promuovere l'integrazione fra bambini (attraverso le scelte effettuate dai bambini, ad esempio stare vicino all'amico col quale ha giocato nella mattinata). I bambini dai 18 ai 36 mesi sono ormai in grado di mangiare da soli; vengono comunque accolte le richieste di aiuto che presumibilmente hanno per lo più un significato relazionale, i piccoli verranno aiutati dalle educatrici.

Ore 12,30
Mentre un’educatrice intrattiene i bambini in salone, l’ altra porta i bambini in bagno e li prepara per il riposo pomeridiano o per il rientro a casa, facendo loro anche lavare i denti.
giocattoli
Ore 13,00
L’ educatrice è presente per addormentare i bambini. Questo momento viene favorito attraverso: l'uso di oggetti transizionali (ciuc¬cio, copertina, orsetto, ...); il contatto individualizzato (vicinanza fisica con l'adulto, contatto corporeo, ...); Il racconto di brevi storie o l’ascolto di una musica in sottofondo; la vicinanza con gli amici preferiti.

Ore 15,00
Si inizia ad alzare i bambini nel rispetto dei loro tempi di risveglio. L’educatrice aiuta nel cambio eventualmente coadiuvata da una ulteriore educatrice per l’orario prolungato (per coloro che restano fino a più tarda ora). L'ausiliaria serve la merenda in salone a mano a mano che i bambini si alzano.

Ore 16,00
Terminano le attività della giornata e per i bambini che non vanno a casa iniziano le attività dell’eventuale tempo prolungato.
Share by: